Immagine1

SCOLIOSI e OSTEOPATIA

FACCIAMO CHIAREZZA

ROTOSCOLIOSI E SCOLIOSI IDIOPATICA: Studio comparativo

Alcuni osteopati considerano la scoliosi una ROTOSCOLIOSI  ovvero una lesione osteopatica di un gruppo di vertebre secondo la  1 legge di Fryette.

“Quando il rachide è in neutralità, se si induce un’inclinazione laterale questa è seguita da una rotazione dei corpi vertebrali dal lato opposto”.

La rotoscoliosi è caratterizzata da:

  • una curva laterale con apice nella vertebra centrale

  • le due vertebre che limitano la curva hanno massima inclinazione e minima torsione

  • la vertebra apicale presenta la massima torsione e minima inclinazione

  • i corpi vertebrali ruotati verso la convessità

Anche la scoliosi presenta:

  • le due vertebre che limitano la curva hanno massima inclinazione e minima torsione

  • la vertebra apicale presenta la massima torsione e la minima inclinazione

  • i corpi vertebrali ruotati verso la convessità, quindi un gibbo dalla stessa parte

Quali differenze capitali le diversificano?

Nella rotoscoliosi il rachide è in normalità mentre nella scoliosi è in estensione, quindi le curve sagittali sono modificate.

Il rachide non ha più la capacità di ammortizzare le sollecitazioni in quanto le due lordosi e soprattutto la cifosi toracica si presenta appiattita.

Nella scoliosi abbiamo la deformazione strutturale, nelle rotoscoliosi solamente la disfunzione.

Da questo possiamo dedurre che:

l’intervento osteopatico è ininfluente nel trattamento della cifosi mentre è facilmente risolutorio nelle rotoscoliosi essendo queste lesioni osteopatiche.

Il trattamento ha come obiettivo di intervenire sulla disfunzione del rachide e non sulla struttura.

D’altra parte l’inefficacia dell’osteopatia nella scoliosi vera si desume anche dalla stessa definizione di LESIONE OSTEOPATICA “Perdita totale o parziale della fisiologica mobilità di una struttura”.

Riassumendo quanto detto prima il rachide deformato dalla scoliosi non è genericamente doloroso: diventa doloroso nelle  gravi scoliosi dell’adulto.

Numerosi scoliotici soffrono però di algie vertebrali ….. perchè?

Semplicemente per le stesse ragioni per le quali soffrono di mal di schiena i soggetti che non sono portatori di scoliosi.

Le lesioni osteopatiche nello scoliotico

Come si possono verificare perdite di mobilità nelle vertebre in un rachide normale, allo stesso modo possiamo trovarle in quelle che compongono una curva scoliotica quindi curiamo la disfunzione senza poter intervenire sulla struttura.